Workshop sul Clown con Emmanuel Gallot Lavallée @ LuzzatiLab, Genova [16 giugno]

Workshop sul Clown con Emmanuel Gallot Lavallée


89
16
giugno
10:00 - 18:00

 Pagina di evento
LuzzatiLab
Vico Amandorla 3c, Genova, Italy
EMMANUEL GALLOT LAVALLEE
conduce
WORKSHOP INTENSIVO SUL CLOWN

Sabato 16 Giugno 2018
dalle 10:00 alle 17:30
e Domenica 17 Giugno 2018
Dalle 10:00 alle 17:30

C/O TEATRO DELLA TOSSE- LUZZATI LAB
Vico Amandorla 3 Cancello, GENOVA

Info e prenotazioni:
3496630497-3331234272
[email protected]

A Genova cominciano una serie di Workshop di alta formazione teatrale organizzati da Ginevra Scaglia e Thuline Andreoni.
Questa volta avremo come ospite Emmanuel Gallot Lavallée, formato come attore e pedagogo presso la scuola di Jaques Lecoq ed ex assistente del Maestro.

LA POETICA DEL CLOWN

«Il lavoro sul clown è lo studio dell’anima umana.
Il ritorno alla luce.
Ecco perché questo studio è cosi affascinante e paradossalmente impossibile.
Non s’insegna al sole l’arte di brillare, lo si guarda e basta, così come si può ammirare l’anima umana ridere e danzare la danza del clown.
Ciò che si può concretamente fare è togliere la foschia, le nuvole che impediscono di vedere il sole. I nostri atteggiamenti quotidiani ricoprono fino a soffocare lo stupore, la meraviglia…
Il clown é il ritorno all’origine, al meravigliarsi. Basta togliere le vecchie tappezzerie delle nostre certezze. Appare allora la fragilità, l’essere perso.
Ciò che è pericoloso nella vita, diventa nutrimento indispensabile per il clown: esso si nutre di debolezze.
L’arte dello stupore è la sua essenza.
Certo, se pensate ai clown tipo McDonald’s con il naso rosso, l’hamburger in bocca e il sorriso a forma di dollaro, avete sbagliato strada. Parlo della poetica del clown, perso nell’immensità della pista.»

PROGRAMMA

Gli studenti imparano a giocare e a lasciare suonare in loro una musica silenziosa. Nasce un personaggio che si copre di colori, si veste, si traveste, prende forma adulta, diventa clown, il tempo di un numero. Poi andrà bruciato per lasciare che l’attore torni di nuovo alla sorgente della sua ricerca: l’anima danzante.

La parte essenziale del nostro lavoro consisterà quindi a “liberare la gabbia”: toglierci di dosso i vecchi costumi.
Fase delicata come una nascita.

Segue una parte propedeutica:

— Lo studio del clown dalle sua origine ad oggi.
— Il clown da circo con i suoi due protagonisti principali: Augusto e Mr Loyal.
— Certi numeri sono scritti come veri spartiti.
— Lo studio si fa matematico, puntiglioso. Come abbandonare il proprio corpo per seguire l’inflessione del Mr Loyal, o gli scherzi assurdi del clown.
— Analizzeremo le entrate clownesche
— Annuncio del numero — la sua realizzazione — il suo fallimento e l’uscita del clown

Monsieur Loyal e l'Augusto (esercitazioni a gruppi)

— Scherzo del clown bianco / riuscita
— Scherzo dell'Augusto / fallimento — punizione dell'Augusto

I clown teatrali:

Potremo poi allontanarci dagli sketch stereotipati della tradizione circense per avviarci verso una ricerca più profonda: la conoscenza della fragilità umana e la sua progressiva messa in scena alla scoperta dell’antieroe moderno.

Attraverso le improvvisazioni si metteranno in evidenza le ingenuità, le debolezze, le fissazioni, i deliri delle diverse personalità che andranno successivamente definite e messe in risonanza con il pubblico:

— La ricerca del proprio clown, il costume

— Rapporto tra clown e pubblico

— Le entrate solitarie, il parlato

— Il rapporto con gli oggetti

— Costruzione di frasi umoristiche

— Il rapporto di potere «capo-sottocapo»

Si concluderà questa fase di studio con un’analisi più serrata dei meccanismi universali della comicità.

La pedagogia del clown porta alla definizione di un uomo nuovo, libero della propria corazza e vestito d’azzurro.

Biografia di Emmanuel Gallot-Lavallée:
Frequenta dal ’76 all’80 la Scuola di “Jacques Lecoq” a Parigi diplomandosi come “Attore” e in “Pedagogia Teatrale”. Si trasferisce in Svizzera dove insegna fino all’82 Improvvisazione teatrale alla Scuola di Dimitri. Successivamente torna a Parigi e si specializza in “Analisi del personaggio” e sul “Teatro comico dell’arte”.
Nel 1981 crea a Parigi con Silvia Marcotullio la Compagnia Internazionale di Teatro. Dal 1982 al 1988 è attore e dirige la Compagnia, recitando negli spettacoli più significativi: ‘84 “Adamo e Eva”; ‘85 “Concerto per pentola”; ’86 “La Creazione del mondo”; ‘87 “Racconti et piano”; ‘88 “Sepultae res”; ‘89 – ‘90 “Waterloo”; ’94 – ’96 “King Lear”; ‘97 “Delirium”; ‘98 Le Jeu: Conferenza – Spettacolo”; presentati in Europa nei principali Festival e Rassegne (Francia, Germania, Svizzera, Olanda, Spagna, Belgio, Austria, Gran Bretagna, Grecia, Portogallo).
Nel 2003-2004, scrive dirige ed interpreta: “Les cavaliers” e “Erreurs Désacordées”, presentati per l’Estate Romana e all’interno di una tournée per l’Italia.
Nel 1984 con Silvia Marcotullio fonda e dirige la “Scuola Internazionale di Teatro”. La scuola è patrocinata dal Comune di Roma, dal Centro Culturale Francese e dall’Ambasciata di Francia ed è successivamente riconosciuta dal Ministero dello Spettacolo, dalla Regione Lazio, dall’Unione Europea e, dal 2008, rientra nei Programmi per la Formazione Europea dell’Attore (Syllabi for the Actor European Training) ai sensi dell’Art. 7 del3/4/08 con la Qualifica di Attore 2° Livello.
Nel ’90, a Parigi frequenta il CIRT (Centre Internazionale de Recherches théâtrales) dove si specializza: sul “Teatro d’improvvisazione” e “Il Teatro shakespeariano”. Si specializza inoltre nel ’95 nelle “Tecniche di rilassamento e Arti Marziali ” presso il “Dojo Zen” di Roma; nel ‘97 viaggia in India esattamente a Rishikesh dove approfondirà lo studio delle “Pratiche Zen”, le “Arti marziali”, il “Teatro epico indiano: studio del Mahabharata” (analisi narrazione e mito P. Brook).
Nel 2005 scrive e pubblica con Editions les deux oceans Parigi: “Clown Celeste, ovvero: la conoscenza del teatro come conoscenza dei teatri interiori. (In Libri e scritti tutta la info sui libri pubblicati da Emmanuel).
Dall’84 ad oggi dirige seminari, stages e laboratori di formazione professionale e di specializzazione in Italia e all’estero, per attori, operatori culturali ed insegnanti, tra cui i più significativi: 1992 e 1993 Corso FSE per “Attore specializzato in discipline e tecniche teatrali” e “Commedia e personaggi” finanziato dalla CEE; dirige corsi di “formazione teatrale” per diverse associazioni in Italia e all’estero; nel 2005 dirige i seminari di didattica teatrale e messinscena finale all’Università “La Catolica” di Lima (Perù) sui “Miti e racconti dei quattro continenti”. Sempre in Perù partecipa al “Festival di Teatro di Urubamba” con spettacoli ed una conferenza-spettacolo sul tema “Il Teatro Antropologico spettacolo”. Dirige inoltre corsi di formazione per medici ed operatori sanitari: “Clown de hospital”.
Nel 2006 e 2007 dirige i corsi di formazione teatrale, per “Il Comic Lab” di Serena Dandini sulla: “Presenza scenica, il Melodramma, la Commedia dell’Arte, il teatro dell’Assurdo, il Surrealismo e i colori” che si concludono con la messinscena di due lavori: “ L’Attore in scena” e “ Lacrime e violini” presentati al Teatro Municipale. Nel 2007 e 2008 dirige il laboratorio teatrale in collaborazione con le Associazioni “Alice nel mondo” e “Ridere per vivere” realizzando il film documentario: “Quando i Rom avevano le ali”.
Insegna regolarmente nella scuola Troisi (Scuola Nazionale Comici) di Firenze dove presenta con i studenti della scuola: “Lezioni di clown”, imagini scherzi”; in Basilicata per la compagnia Gommalacca mette in scena un secondo lavoro su i briganti; per il festval di Montecatini regia e messa in scena di L’histoire du soldat” di Stravinsky con la formazione musicale del festival di Montecatini; viaggia in Perù diverse volte per insegnare il clown al circo la Tarumba con gli acrobati della scuola; interviene di nuovo all’Università la Cattolica di Lima, collabora con la compagnia “Keto” dirigendo la formazione sul tema dei buffoni; presenta, sempre a Lima, il suo libro “Clown celeste” in traduzione spagnola, (e presenta i suoi ultimi quadri) collabora con l’associazione dei clown dottori Bolla Roja e interviene nelle favelas della periferia per formare i gruppi teatrale del barrio San Salvadore.
Tornato in Italia prosegue la formazione dei clown di strada con il Circo d’Abruzzo, che si svolgerà nei primi anni in stretto legame con il festival di teatro di strada di Villa Scontrone, per poi, nelle edizioni a seguire, spostarsi in diversi paesi dell’Abruzzo (Carmanico e Fontecchio) partecipando sempre con interventi clowneschi e teatrali nelle diverse manifestazioni estive. Ogni anno Emmanuel propone il Circo d’Abruzzo e si dedica sempre più alla formazione nel mondo del volontariato, concepisce il clown come un simbolo della propria esistenza. Ama gli alberi,
Discussione
image
Solo gli utenti registrati possono lasciare commenti.
Effettua una veloce registrazione o autorizzazione.

Eventi più atteso in Genova :

Call per Progetti Culturali - Programmazione 2018/19
Quarto ge - Ex ospedale psichiatrico
Fulvio Roiter. Fotografie 1948-2007
Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura
Thegiornalisti in concerto a Genova
RDS Stadium Genova
Genova Beer Festival 2018
Villa Durazzo Bombrini
Thegiornalisti - 8 novembre Genova, RDS Stadium
RDS Stadium Genova
Ghali live a Genova / #ghaliintour
RDS Stadium Genova
Genova Group Cycling 2018
Morsi, graffi e litigi. Gestire l’aggressività dei bambini
Cral Amt Genova
Malika Ayane • Politeama Genovese + Bangarang!
Politeama Genovese
Genova Comics and Games - V edizione
Genova Comics & Games